FATTORI DI RISCHIO DELL’ATEROSCLEROSI

Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di mortalità nel mondo occidentale. Circa un 30% della mortalità è causata da queste malattie, che possono essere prevenute con un cambiamento dello stile di vita e una sana alimentazione.

L’aterosclerosi si sviluppa lentamente nel corso della vita e nel momento in cui compaiono i sintomi, la malattia cardiovascolare si trova già in uno stato avanzato. Si tratta di una patologia vascolare generalizzata che può coinvolgere le arterie in diverse aree dell’organismo: in questo modo può portare all’infarto se è localizzata a livello cardiaco, all’ictus se è localizzata a livello cerebrale o alla claudicatio intermittens, se altera il flusso  arterioso degli arti inferiori.

Si può limitare il rischio di infarto dl miocardio e delle altre malattie suddette adottando sani stili di vita. Per questo basta:

  • una sana alimentazione e un’attività fisica adeguata aiutano a mantenere ottimale il livello della colesterolemia e della pressione arteriosa.

Per attività fisica adeguata si intende almeno 30 minuti consecutivi al giorno di camminata a passo sostenuto. L’intensità dell’attività fisica porterà a una frequenza cardiaca pari a un 60 – 75% della frequenza cardiaca massimale.

  • È importante tenere sotto controllo il proprio peso. Infatti l’indice di massa corporea ( BMI= peso in kg diviso il quadrato dell’altezza in metri) deve essere inferiore a 25 kg/m². Per questo, accanto a una dieta bilanciata, è importante svolgere un’attività fisica regolare.
  • Tenere sotto controllo il valore del colesterolo. Il valore desiderabile della colesterolemia totale è inferiore a 190 mg/dl e sotto 115 mg/dl il colesterolo LDL.
  • Limitare/evitare il fumo.

 

Consigli dietetici:

  • Ridurre il contenuto in sodio. Per insaporire gli alimenti usare erbe aromatiche, spezie, limone.
  • Restrizione o abolizione dell’alcool
  • Limitare la caffeina e i prodotti che la contengono
  • Alimenti da prediligere:
  • Cereali ( pasta, pane, riso, orzo, farro, patate)
  • Legumi
  • Pesce azzurro per il contenuto di ʊ3: merluzzo, alici, salmone, sardine, sgombro, acciughe
  • Verdura (2 o 3 porzioni al giorno)
  • Frutta ( 2 porzioni al giorno)
  • Olio extravergine d’oliva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *